I nostri battaglioni alpini
a cura di Antonio Cittolin

Borgo San Dalmazzo

Scheda

Fu costituito nell'inverno del 1886 alle dipendenze del II° Reggimento Alpini per cambio di formazione del Btg. Col di Tenda con la 12°, 13° ,14,15 compagnia. Nel 1887 i nomi dei btg mutano rispettivamente in: Borgo San Dalmazzo, Vinadio, Dronero.
Aliquote di alpini del reggimento partecipano  alla guerra d'Africa nel 1895-96 inseriti nella 2a cp del  btg di formazione. Nel luglio 1904 Il I° reggimento risulta così costituito:
btg Borgo San Dalmazzo nappina bianca (cp. 12-13-14-15), Dronero nappina rossa (cp. 16-17-18-19), Saluzzo nappina verde (cp 20-21-22-23). Nel 1918 cedette la 12 al Btg. Tolmezzo. Il reparto partecipò alla Grande Guerra e per questa esigenza gli furono assegnate duwe compagnie di milizia mobile (99 e 117) che cederà nel 1917 al battaglione Monte Argentera . Alla conclusione della guerra truppe alpine vengono dislocate sulla linea d'armistizio. Nel 14° Gruppo è presente il btg Borgo San Dalmazzo (cp. 13-14-15-17-42 mitr.), Nell'estate del 1919 fu trasferito in Albania e verrà rimpatriato il 17 maggio 1920.All'entrata in guerra contro la Francia il Borgo San Dalmazzo è così formato: (cp. 13-14-15). Partecipa alle operazioni anche sul Fronte Greco-albanese e Jugoslavo.Il 15 febbraio 1942 vengono costituite le compagnie armi d'accompagnamento dei battaglioni alpini. Il btg Borgo san Dalmazzo riceve la 104 a cp. Il 26 luglio 1942 parte da Borgo San Dalmazzo il primo dei cinquantadue convogli ferroviari destinati a trasportare la Divisione Cuneense sul fronte russo;dopo circa 13 giorni di viaggio gli alpini, arrivati in Ucraina,  si erano messi in marcia per andare sul Caucaso ma vennero poi schierati sulle rive del fiume Don. Lo schieramento del Reggimento ha un fronte di 22 chilometri: da Kulakovka a Novaja Kalitva.Dislocazione dei battaglioni, seguendo il corso della riva destra del fiume Don:Borgo S.Dalmazzo, Dronero, Saluzzo. L'otto settembre trovò il battaglione in Alto Adige dove parte del reparto riuscì a raggiungere il Piemonte per poi costituire nuclei di resistenza, insieme ai partigiani.


Nappina:Bianca

Motto: “Alpium eques et custos”

 


Borgo San Dalmazzo