I nostri battaglioni alpini
a cura di Antonio Cittolin

Vestone

Il battaglione alpini “Vestone” con le compagnie 53ª, 54ª 55ª, è costituito ad Anfo per trasformazione del preesistente btg. alpini “Rocca d’Anfo” il 13 gennaio 1889 alle dipendenze del 5° reggimento alpini.
Per la guerra Italo-turca, sbarca a Tripoli il 1° novembre 1912, accampandosi nella località di Haramangi.
Nell’imminenza del conflitto 1915-18, trasferisce la propria sede a Verona.
Il 7 aprile 1916, cede la 91ª compagnia al battaglione alpino di milizia mobile “Monte Suello” di nuova formazione, costituito a Salò il 25 novembre 1915.
Il 16 settembre, partecipa all’azione per la presa del Monte Rombon. Il 10 giugno 1917 partecipa alla battaglia dell’Ortigara.
In occasione della disfatta di Caporetto, il “Vestone”, si posiziona a sbarramento della Val Brenta.
Dopo altri spostamenti ed in previsione della battaglia di Vittorio Veneto, il 24 ottobre è dislocato a S. Apollinare (Asolo). Il 31 ha il compito di attraversare il Piave a Busche, per sbarrare la ritirata ai reparti nemici in fuga.
Il 2 novembre entra in Cesio Maggiore, dove il 4 novembre giunge l’ordine di cessare le ostilità per l’avvenuto armistizio. Fra dicembre del 1920 e gennaio 1921, viene inviato dal governo italiano a Fiume per frenare l’azione di Gabriele d’Annunzio.
Dal 1° luglio del 1921 il battaglione passa alle dipendenze del 6° Reggimento Alpini di Bressanone.
Nel marzo del 1939 fu inviato in Spagna da dove rientrò nel mese di aprile dello stesso anno.
Prese parte alle operazioni della 2a Guerra Mondiale sul Fronte Occidentale, in Albania e in Russia dove vi giunse con le tradizionali compagnie (53a, 54a  e 55a) e con la llla compagnia armi accompagnamento.
Nel 1943 rientrò in Italia e in Alto Adige fu sciolto dopo l'armistizio.



Nappina:Blu


Motti: “Ad excelsa tendo”(Sempre più in alto) del 1915;
Più salgo più valgo” del 1933;
Vistù” del periodo 1939-1943.

 


Battaglione Vestone